Il meglio del peggio vol.3: Finti preti e vere botte

Cronaca

Written by:

Ogni settimana, le notizie più assurde, surreali e semplicemente improbabili che hanno solcato le pagine dei giornali italiani. Ecco a voi il meglio del peggio.

 

Argentina: fanno irruzione in una tipografia e rubano 300mila euro di figurine Panini, arrestati

Un gruppo di criminali armati ha assaltato la tipografia Editoras de Figuritas SA a Munro, città a 20 km da Buenos Aires, e prelevato 638 scatole di figurine di calciatori destinate alle edicole. Il valore della refurtiva, circa 32mila sticker in tutto, si aggirerebbe sui 300mila euro. Intenzione dei malviventi era rivenderle sul mercato nero, ma gli investigatori sono riusciti a recuperare parte del bottino e arrestare tre banditi. Lo riferisce il quotidiano La Naciòn.

[Fonte: Corriere della Sera, 8 giugno 2018]

Sfodera il machete e urla “Allah Akbar!” per difendere i funghi, denunciato anziano

A Massa Marittima, in provincia di Grosseto, un pensionato con a cuore le fungaie del lago di Accesa ha respinto una coppia di anziani che si è addentrata nella macchia, invadendo le sue zone di raccolta. L’uomo è saltato fuori dalla boscaglia dimenando un machete e urlando “Allah Akbar”. I due, spaventati, hanno immediatamente allertato i carabinieri. Sono quindi intervenuti i militari del comando di Grosseto, per far fronte alla minaccia di matrice terroristica. Risaliti all’autore del gesto, l’uomo si è giustificato dicendo di non sapere nemmeno cosa significhi “Allah Akbar”, lo aveva solo sentito in tv. Allibiti, i carabinieri hanno sequestrato tutte le armi detenute dall’anziano ed è scattata la denuncia per minacce aggravate.

[Fonte: Il Tirreno, 8 giugno 2018]

Dipendente ligure picchia titolare, la madre gli dà 100 euro e lui se ne va

Un aiuto cuoco imperiese di 37 anni, sostenendo di aver dovuto lavorare più del previsto e senza retribuzione, ha aggredito il proprio titolare, un 28enne brasiliano. È successo all’Aromi & Sapori di Imperia, dove l’uomo, dopo aver minacciato il capo e promesso di distruggere il locale, è passato alle botte. La madre del titolare, allertata dalle grida del figlio, è accorsa nella stanza e ha offerto 100 euro al cuoco perché smettesse. Quello ha accettato, per poi andare via come se niente fosse e lasciando il titolare con una prognosi di 21 giorni. La denuncia della polizia è di estorsione e lesioni personali.

[Fonte: La Riviera, 13 giugno 2018]

Finto prete fermato con tre chili di eroina, minaccia di scomunicare i finanzieri

Si era finto un ecclesiastico di ritorno da una missione in Mozambico, con collarino e tutto quanto. L’insospettabile corriere del narcotraffico portava con sé l’equivalente di 25mila dosi di eroina purissima, stipate in un doppiofondo della borsa porta-computer. Ma quando le Fiamme Gialle dell’aeroporto di Fiumicino hanno cominciato a perquisirgli i bagagli, il travestimento non è bastato e l’uomo è ricorso alle maniere forti: ha afferrato il crocifisso che portava al collo e intimato agli agenti la scomunica, in quanto il loro controllo era “sacrilego”. Arrestato.

[Fonte: La Repubblica, 9 giugno 2018]

Usa: statua di 8 metri di Marilyn davanti a una chiesa, “Mi fa sentire a disagio”

Davanti alla Prima Chiesa Congregazionale di Stamford, Connecticut, ha fatto la sua apparizione una statua alta 8 metri di Marilyn Monroe nella celebra posa dal film Quando la moglie va in vacanza, con la gonna sollevata e il didietro puntato verso il luogo sacro. Si tratta dell’opera Forever Marilyn di Seward Johnson – una di 35 installazioni posizionate in luoghi pubblici – ma, riferisce il reverendo Todd Yonkman, questo non ha impedito alla progressista comunità di fedeli di spaccarsi: chi la ritiene irrispettosa, chi ne è divertito, chi ha inviato mail al pastore per dirsi a disagio. Yonkman, dal canto suo, non ne chiederà la rimozione, e aggiunge: “Marylin è un’icona gay, quindi è una fortunata coincidenza”. La chiesa, infatti, ospiterà a breve un incontro Pride con una comunità Lgbt.

[Fonte: TgCom24, 13 giugno 2018]

(Foto di copertina: DoodleMatt / Flickr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *