I Medici – 2×01 & 2×02: Recensione

Serie Tv

Written by:

Oggi 23 ottobre torna sugli schermi una delle famiglie storiche più famose d’Italia grazie a I Medici. La serie anglo-italiana, trasmessa sulla Rai, dal suo debutto ha avuto un immenso successo. Dopo due anni dalla sua prima trasmissione, avvenuta nel 2016, la serie torna finalmente sugli schermi.

Che cosa è cambiato, quindi, dalla stagione precedente?

Novità e volti familiari

La serie ha, fin dalla prima stagione, presentato volti noti nel panorama internazionale. Con un salto temporale consistente fra le mani, il cast si presenta completamente rinnovato, con nomi italiani e non. Nel ruolo di Lorenzo de’ Medici troviamo Daniel Sharman (Teen Wolf), mentre in quello del fratello Giuliano c’è Bradley James (Merlin). Jacopo de’ Pazzi è interpretato da Sean Bean (Games of Thrones, Il Signore degli Anelli), mentre Sebastian de Souza, già noto per il suo ruolo ne I Borgia, interpreta Sandro Botticelli.

Foto promozionale di Bradley James e Daniel Sharman nei panni di Giuliano e Lorenzo de' Medici

Foto promozionale di Bradley James e Daniel Sharman nei panni di Giuliano e Lorenzo de’ Medici

Fra i nomi italiani invece troviamo Alessandra Mastronardi, Raul Bova , Aurora Ruffino, Michele Balducci.

Le novità non si fermano al cast. La nuova stagione, oltre a quello che sembra essere un considerevole aumento di budget, subisce anche cambiamenti dal punto di vista stilistico. Con sorpresa di chi scrive, la prima sequenza è un flashforward, per la precisione al 26 aprile 1478, giorno della congiura dei Pazzi. È chiaro come tutto giri intorno a quella data, che specialmente per gli amanti di Bradley James, visto il destino del suo personaggio, si spera arrivi decisamente in ritardo, forse addirittura alla prossima stagione, su cui si sta già lavorando… sperare, in fondo, non costa nulla. C’è anche la presenza di numerosi flashback in modo da mostrare l’infanzia di Lorenzo. Luci, colori, costumi e ambientazioni sono molto più cinematografiche, il che, per gli amanti della settima arte, fa attendere con trepidazione le prossime puntate.

Vecchi rancori

È il 1469. La prima puntata della stagione comincia in modo tranquillo, introducendo uno ad uno i personaggi nuovi e a mettendo in moto la storia, che, come suggerito dal titolo, sembra girare tutta intorno a vecchi rancori.

Firenze e i Medici sembrano non passarsela bene. Fra congiure, inimicizie tra famiglie (il divario fra Medici e Pazzi non si è mai sanato) e la banca che vacilla, Piero il Gottoso sembra aver fatto a pezzi tutto quello che il padre Cosimo aveva costruito. E spetterà al figlio maggiore risolverle.

Lorenzo e Giuliano non potrebbero essere più diversi. Il secondo è impulsivo, agisce prima di pensare, il primo invece è più calmo e pacato, dedito alla ragione. Pensa, forse troppo, ma è proprio di Lorenzo di cui ha bisogno la città di Firenze per tornare a splendere. Due persone diverse, sì, eppure legate, dal sangue, dal nome… in qualche modo, risultano essere due facce della stessa medaglia.

Tutto, come fa presente un flashback, ruota intorno a Lorenzo. È lui che è destinato a guidare la famiglia e la città, un giorno, ed è proprio questo che fa partire la storia, con Lorenzo che, finalmente, prende il potere fra le mani, pronto a diventare Magnifico.

Un uomo solo

Con Lorenzo de’ Medici al comando della banca, per quanto la cosa non sembri piacere particolarmente al padre, la storia prosegue, comincia a prendere forma, senza perdere però la funzione introduttiva assunta nella puntata precedente. Si esplorano i rapporti fra la famiglia Medici e il papato, ed è qui che viene introdotta Clarice Orsini, così come Carlo, figlio bastardo di Cosimo de’ Medici. Lucrezia, che si rivela essere una grande stratega, fa sì che il matrimonio fra il figlio maggiore con la nobildonna romana sia assicurato, mentre a Firenze si apprende di un altro matrimonio, quello fra Bianca de’ Medici e Bastiano Soverini – chi ha fra le mani un libro di storia e in queste due puntate ha particolarmente apprezzato l’amore della ragazza per Guglielmo de’ Pazzi sa che di questo non ci si dovrebbe preoccupare, però. Altro personaggio introdotto degno di nota è quello di Simonetta Vespucci, che sembra aver conquistato sia Giuliano che Botticelli.

Fulcro dell’episodio insieme alle relazioni vaticane c’è il torneo che, nuovamente, sembra sottolineare il conflitto fra Medici e Pazzi. Unico scopo di quest’ultimi, almeno per ora, sembra quello di spodestare i Medici, in tutto. I loro loschi scopi sembrano essere anche sottolineati da costumi, luci e da sofisticati movimenti di macchina. L’unica eccezione è rappresentata da Guglielmo – che, storicamente, era completamente estraneo alla congiura del 1478.

Nonostante la vincita di Lorenzo per i Medici i festeggiamenti durano poco: Piero il Gottoso è morto, e Lorenzo adesso è davvero un uomo solo, al potere.

Lorenzo de' Medici durante il torneo in "Un uomo solo"

Lorenzo de’ Medici durante il torneo in “Un uomo solo”

Una stagione che inizia bene, quindi. C’è da chiedersi cosa succederà e come saranno gestite le puntate di questa stagione, in modo da raggiungere il 26 aprile 1478. Certo è che la serie si è ancora una volta distinta, ed il suo successo sembra essere assicurato. Per assistere al resto delle avventure di Lorenzo, Giuliano e il resto dei Medici non resta altro che aspettare le prossime puntate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *